Image

BRAVO MAGAZINE: The Heal The World Foundation Helps Children Of Sarajevo (1992) Michael wants to save the children! BRAVO MAGAZINE: La Heal The World Foundation aiuta i bambini di Sarajevo (1992) Michael Jackson vuole salvare i bambini! Annie Salijevic testimony/ Testimonianza di Annie Salijevic

By Ralf Brunkow

 

In English and Italian

English:

Sarajevo.La Big Action superstar sends aid to 3 million (DM) – 2.1 million dollari.Un choir of school children “UN” singing American songs.

Michael Jackson keeps his promise. It showed up in Bucharest with a baby in her arms and announcing his support for children in need around the world. From New York to Sarajevo sends a giant jet, with medicine, clothing, food for 2.1 million dollars for the children of the city.There, where because of a civil war children suffer the most. ” My heart belongs to the children of this world! ” Michael said this at the airport while the jet was loaded. ” They can not defend themselves against the brutality being perpetrated against the people. “

A few weeks before Christmas, on the occasion of Thanksgiving Day is celebrated in America, reigned an atmosphere of festivity and brotherhood among the 200 photographers and 4,500 guests who were able to witness the event. Not to mention the two children’s choirs, Michael had invited to sing her song “ Heal The World ”. With big eyes children choir “African Children’s Choir” marveled at their idol. Children aged 7 to 13 years old have sung two songs of their homeland, accompanied by two children who were playing the drums (rhythm). The other choir “Concert Choir” of the international school “UN” in NY, where the students come from 115 different countries joined the choir last year. In all there were 150 children who sang “Heal The World.” On this occasion, Michael has appeared to us totally different. Do not be shy superstar, the unattainable “King of Pop”, but a friend who smiled happily, he was joking with the children, embraced them and was just one of them. Quiet, but deeply persuasive gave a speech of 15 minutes before the jet ready for takeoff.

In front of 20 cameras, Jackson explained again its programs and its end about his association inaugurated in Bucharest, 30 September 1992. ” Children are the future of humanity, are the keys to a better world for the future , “he said,” If we give him our support, our love, our dedication, we provide the future of our world ! “

To underline the fact that the board of the association is supported by a board of 80 children aged 8 to 16 years. These children have a duty to cooperate with the decision to establish where in the world there are children who have an immediate need for help. “ Every minute 28 children die in the world , “Jackson said in an interview that had the purpose of its organization . ” Only in 1992 will have 14 million children die. Most diseases that could prevent or treat, or because of unnecessary wars or violence in the streets . “With all of the charitable association that already exist, it was necessary, Michael? ” I wanted to invoke an action of brotherhood and love of neighbor, in which the children have a say and be able to decide where and how to intervene. now we have to listen to the call to help children . “

With all of the charitable association that already exist, it was necessary, Michael? ” I wanted to invoke an action of brotherhood and love of neighbor, in which the children have a say and be able to decide where and how to intervene. now we have to listen to the call to help children.”

Why have you opened your foundation “Heal The World” just in Bucharest, Romania? ” The brutality with which the children were treated during the communist regime and the penalties which must still endure, I was shocked too , “Jackson said “Just in Eastern Europe after the fall of the Iron Curtain , the pain and the suffering of others is substantial and where orphans that no one wants, they are abandoned to their fate, I wanted to call the conscience of the world! “

And who pays for all this? ” I donated the gains on my single – Heal The World – my album – Dangerous – this association. addition, there have been avalanches donatori.Io personally help you with money as long as I live. As the fate of the children of world is and will remain the main purpose of my life . “

His help in Sarajevo not remain an isolated case. Michael wants to intervene every time in the world, children will need help. 

(Source: zimbio.com)
In Italiano

Grande azione per Sarajevo.La superstar manda aiuti per 3 milioni(di marchi) – 2,1 milioni di dollari.Un coro di bambini della scuola “ONU” canta canzoni americane.

Michael Jackson mantiene la sua promessa. Si è fatto vedere a Bucarest con in braccio un neonato ed annunciando il suo aiuto per i bambini bisognosi del mondo. Da New York invia a Sarajevo un jet gigante, con medicine, indumenti, viveri per 2,1 millioni di dollari per i bambini della città. Lì dove a causa di una guerra civile i bambini soffrono di più. “Il mio cuore appartiene ai bambini di questo mondo!” questo ha detto Michael all’aeroporto mentre il jet veniva caricato. “Loro non possono difendersi contro le brutalità che vengono perpetuate contro le persone”.

Poche settimane prima di Natale in occasione del giorno del ringraziamento che si festeggia in America, regnava un’atmosfera di festa e di fratellanza, tra i 200 fotografi e i 4.500 invitati che hanno potuto essere testimoni dell’evento. Per non parlare poi dei due cori di bambini, che Michael aveva invitato per cantare la sua canzone “Heal The World“. Con grandi occhi i bambini del coro “African Children’s Choir” guardavano meravigliati il loro idolo. I bambini dai 7 ai 13 anni hanno cantato due canzoni della loro patria accompagnati da due piccoli che suonavano i tamburi (ritmici). L’altro coro “Concert Choir” della scuola internazionale “ONU” di NY, dove gli scolari provengono da 115 diverse nazioni si è unito al coro precedente. In tutto c’erano 150 bambini che cantavano “Heal The World”.In questa occasione Michael ci è apparso totalmente diverso dal solito. Non la timida superstar, l’irraggiungibile “King of Pop”, ma un amico che sorrideva felice, che scherzava con i bambini, li abbracciava ed era semplicemente uno di loro. Tranquillo, ma profondamente persuasivo ha tenuto un discorso di 15 minuti davanti al jet pronto per il decollo.

Davanti a 20 telecamere, Jackson ha spiegato di nuovo i suoi programmi ed il suo fine riguardo alla sua associazione inaugurata a Bucarest, il 30 settembre 1992. “I bambini sono il futuro dell’umanità, sono i garanti di un mondo migliore per il futuro” ha detto “Se gli diamo il nostro aiuto, il nostro amore, la nostra dedizione, provvediamo al futuro del nostro mondo!”

Da sottolineare il fatto che il consiglio dell’associazione è affiancato da un consiglio di 80 bambini dagli 8 ai 16 anni. Questi bambini hanno il compito di collaborare con la decisione di stabilire dove nel mondo ci siamo dei bambini che hanno un bisogno immediato di aiuto.”Ogni minuto al mondo muoiono 28 bambini” ha detto Jackson durante un’intervista che presentava gli scopi della sua organizzazione. “Solo nell’anno 1992 dovranno morire 14 milioni di bambini. La maggior parte da malattie che si potevano evitare o curare, o a causa di guerre inutili oppure violenze nelle strade cittadine.”

Con tutte le associazione benefiche che già esistono, era proprio necessario, Michael? “Volevo richiamare un’azione della fratellanza e dell’amore per il prossimo, nella quale i bambini avessero voce in capitolo e potessero decidere dove e come intervenire. Ora dobbiamo ascoltare il richiamo di aiuto di bambini.”

Perchè hai inaugurato la tua fondazione “Heal The World” proprio a Bucarest, in Romania? “La brutalità con la quale sono stati trattati i bambini durante il regime comunista e le pene che devono tutt’ora sopportare, mi hanno scosso troppo” ha detto Jackson “Proprio nell’est dell’Europa, che dopo la caduta della cortina di ferro, la pena ed il dolore delle persone è notevole e dove gli orfani, che nessuno vuole, vengono abbandonati al loro destino, volevo richiamare la coscienza del mondo!”

E chi paga tutto questo? “Ho donato i guadagni del mio singolo – Heal The World – del mio album – Dangerous – a questa associazione. Inoltre ci sono state delle valanghe di donatori.Io personalmente aiuterò con denaro fino a quando sarò in vita. Poichè il destino dei bambini del mondo è e rimarrà lo scopo principale della mia vita.”

Il suo aiuto a Sarajevo non rimarrà un caso isolato. Michael vuole intervenire ogni volta che nel mondo i bambini avranno bisogno di aiuto.

Michael Jackson’s speech/Discorso di Michael Jackson http://youtu.be/Rg4d36zQ_Bc(CON I SOTTOTITOLI)

Another Video/ altro video:http://www.youtube.com/watch?v=wVmBa7SVPrM&feature=related

Annie Salijevic testimony/ Testimonianza di Annie Salijevic
In English and Italian

English

A refugee from Croatia during the conflict in Bosnia in 90. Annie Salijevic was isolated with his mother in Sarajevo for three years during the siege of the capital by the Serbs. 

During this time, he discovered the music of Michael Jackson having made friends with two UN officials, who have left a stereo with two cassettes: Thriller and Bad.

In May 1992, my mother and I went to visit my grandmother in a town called Tuzla, Bosnia. I am Croatian and I lived on an island called Korcula. During the visit, the war broke out running we were able to reach Sarajevo, but we could not get out of there for three years. 

I was seven years old and my childhood was destroyed, there was no one of my age, after a while ‘the sound of sirens and grenades became the norm, I did not know any other reality, everything that had happened before he had become a confused dream. 

Approximately six months after the start of the war, the UN officials who had parked in front of the building where I lived, they began to talk to me, my mother had taught English by four years, so I knew enough. 

For a while, the only childhood friends I had were these officers in the Bronx and Queens , New York. One day, one of them was listening to music with headphones and listen to me.
I loved it and so I asked him if I could hear a couple of minutes to fall asleep. For the first time in months, he was able to sleep through the night, the next morning I found a note that read “you can tenertela” (I still cherish) The headphones were still on my head and had left the tapes Michael Jackson: Bad and Thriller that would be for the next two years all my music.
At that time I had no idea who he was Michael Jackson, but I knew that with his music all external noise disappeared, encouraged me. Even today, when I’m angry about something, his music is my only relief, like a security blanket. 

Normally, when ricevavamo boxes of food, were the United Nations, but from time to time we received something labeled ” Heal the World “. Whenever these boxes arrived, I knew it was not just food, there were always blankets, toys, as well as food and medicine. I still have the blanket of one of those boxes of survival. In 1995 he managed to flee to Germany, we were refugees, I quickly learned the language, I mother took almost a year, working hard to give me a comfortable life, every month I bought something to do with Michael Jackson (or Power Rangers, another obsession with time.) 

For my birthday, in 1997, bought two tickets for his concert in Gelsenkirchen. My birthday was in January, so it was a torture to wait so long, it was killing me. But it was worth it. When we went to see him was overwhelming and surreal, I was just another among a crowd here had inspired and influenced, I’m sure, and I felt like I was the only person there, and even today I see that the experience as something strange and unreal in my life. 

When the concert ended, the hippies of my mother took me to a back door, where people expect to see Michael, came out the crowd went into a frenzy, he signed the CD that my mother had I so shy I was hiding behind her, but he smiled and stroked my hair, my mother says she also said, “Hey beautiful!” Although I have not heard anything. My family moved in 2000 to Vancouver, Canada, and the chance to see his show was almost nothing. Yet I appreciate each of the memories I have of him and I feel very fortunate to have had the opportunity to see him.
I wish I had gone so soon, are the best to go first, I learned as a child. It hurts to think also about his death, but it seems almost natural to her to leave us. He was our Peter Pan and I miss him very much. Even now I can not comprehend a world without Michael Jackson.However, he will live forever in my heart. 

I’m not the only one with this story, I contacted many people who commented on a YouTube video in which the foundation of “Heal the World” sent boxes of material in Sarajevo, many were refugees and I have seen show in the country where they were refugees. Never forget what he did for us when we were kids. During a time when we hardly had a chance of a childhood, he is the given, significant childhood. Rest in Peace

(Source: zimbio.com)
In Italiano

Una profuga croata durante il conflitto in Bosnia nel 90. Annie Salijevic è stata isolata con la madre a Sarajevo per tre anni durante l’assedio della capitale da parte dei serbi.
Durante questo tempo, ha scoperto la musica di Michael Jackson dopo aver fatto amicizia con due funzionari delle Nazioni Unite, che gli hanno lasciato uno stereo con due cassette: Thriller e Bad.

Nel maggio del 1992, mia madre ed io siamo andati a trovare mia nonna in una città chiamata Tuzla, in Bosnia. Io sono croata e vivevo su un’isola chiamata Korcula. Durante la visita, scoppiò la guerra scappando siamo stati in grado di raggiungere Sarajevo, ma non abbiamo potuto uscire da lì per tre anni.
Avevo sette anni e la mia infanzia è stata distrutta, non c’era nessuno della mia età, dopo un po’ il suono delle sirene e le granate divenne la normalità, non conoscevo nessun’altra realtà ,tutto quello che era successo prima era diventato un sogno confuso.
Circa sei mesi dopo l’inizio della guerra, i funzionari delle Nazioni Unite che avevano parcheggiato davanti al palazzo dove abitavo, hanno iniziato a parlare con me,mia madre mi aveva insegnato l’inglese dai quattro anni, è così capivo abbastanza.
Per un po’, gli unici amici d’infanzia che avevo erano questi ufficiali del Bronx e del Queens, New York. Un giorno, uno di loro stava ascoltando la musica con le cuffie e mi fece ascoltare.
Mi è piaciuto molto e così gli ho chiesto se potevo ascoltarla un paio di minuti per addormentarmi. Per la prima volta, dopo mesi, riusci a dormire tutta la notte,al mattino seguente avevo trovato un biglietto dove c’era scritto “puoi tenertela “(ancora l’ho conservo) Le cuffie erano ancora sulla mia testa e avevano lasciato i nastri di Michael Jackson: Bad e Thriller che sarebbero stati per i prossimi due anni tutta la mia musica.
A quel tempo non avevo idea di chi fosse Michael Jackson, ma sapevo che con la sua musica tutti i rumori esterni scomparivano , mi incoraggiava . Ancora oggi, quando sono arrabbiata per qualcosa,la sua musica è il mio unico sollievo, come una coperta di sicurezza.
Normalmente,quando ricevavamo scatole di cibo, erano delle Nazioni Unite, ma di tanto in tanto abbiamo ricevuto qualcosa con l’etichetta “Heal the World”. Ogni volta che queste scatole arrivavano, sapevo che non era soltanto cibo, c’erano sempre coperte, giocattoli, così come cibo e medicine. Ho ancora la coperta di una di quelle scatole di sopravvivenza. Nel 1995 riuscimmo a fuggire in Germania, eravamo rifugiate, ho imparato rapidamente la lingua, mi madre ci ha messo quasi un anno, lavorava duramente per darmi una vita confortevole, ogni mese mi comprava qualcosa a che fare con Michael Jackson (o Power Rangers, un altro ossessione del tempo).
Per il mio compleanno, nel 1997, ha comprato due biglietti per il suo concerto a Gelsenkirchen. Il mio compleanno era in gennaio, quindi fu una tortura aspettare così a lungo ,mi stava uccidendo. Ma ne valeva la pena. Quando siamo andati a vederlo è stato travolgente e surreale, ero soltanto un’altra tra folla a qui aveva ispirato e influenzato ,ne sono sicura; mi sentivo come se fossi l’unica persona lì, e ancora oggi vedo quella l’esperienza come qualcosa di strano,e irreale nella mia vita.
Quando il concerto finì, la hippy di mia madre mi portò a una porta sul retro, dove le persone si aspettano di vedere Michael ,uscito la folla andò in delirio ,ha firmato il CD che mia madre aveva, io molto timida mi nascondevo dietro di lei, ma lui sorrise e mi accarezzò i capelli, mia madre dice che ha anche detto: “Ehi bella!” Anche se io non ho sentito niente. La mia famiglia si trasferì nel 2000 a Vancouver, in Canada e la possibilità di vedere un suo spettacolo è stata quasi nulla. Eppure io apprezzo ciascuno dei ricordi che ho di lui e mi sento molto fortunata per aver avuto l’opportunità di vederlo.
Vorrei non se ne fosse andato così presto ,sono i migliori ad andarsene per primi, l’ho imparato da bambina. Fa male pensare anche alla sulla sua morte,però sembra quasi naturale il suo lasciare noi. Lui era il nostro Peter Pan e mi mancherà molto. Ancora adesso non riesco a comprendere un mondo senza Michael Jackson. Tuttavia, lui vivrà per sempre nel mio cuore.
Non sono l’unica con questa storia, ho contattato molte persone che in youtube commentavano un video nel quale la fondazione “Heal the World” inviava scatole piene di materiale a Sarajevo, molti erano profughi e lo hanno visto esibire nel paese dove erano rifugiati.
Non dimenticheremo mai quello che ha fatto per noi quando eravamo bambini. Durante un periodo in cui difficilmente abbiamo avuto la possibilità di una infanzia,lui c’è la donata,un’infanzia significativa. Riposa in Pace

Fonte: http://www.lacortedelreydelpop.com/foro/viewtopic.php?f=5&t=8973

Traduzione: Dayna87

Advertisements